Skip to content

Trasloco duepuntozero.

ottobre 18, 2010

Da oggi il blog cambia struttura & grafica: l’indirizzo è sempre lo stesso, lo so http://www.iltriso.it (voi che siete abbonati al feed RSS, sostituitelo con questo http://www.iltriso.it/feed).

Ci vediamo di là.

I social media e le buone maniere.

ottobre 11, 2010

C’era una volta una parola molto utilizzata online, per tantissimi anni. Quella parola si chiamava Netiquette. Oggi, i social media e la crescente alfabetizzazione degli abitanti del web, sembrano aver annebbiato alcune regole basilari della corretta “convivenza” online. Facciamo così: vi elenco quelli che, in base alla mia esperienza di utente, ritengo essere dei comportamenti sui quali riflettere.

  • Se twitti con una frequenza da maratoneta su qualsiasi argomento, non collegare il tuo account Twitter a LinkedIn: il tuo è solo rumore inutile, sono due social network con logiche completamente differenti.
  • Se usi Foursquare ed i tuoi geo-posizionamenti vengono riportati su Twitter, fai attenzione. Se sei dal benzinaio potrebbe non interessare a tutti i tuoi followers. La parola d’ordine è *moderazione*.
  • Se utilizzi Friendfeed ed i tuoi thread appaiono automaticamente anche su Twitter, stai attento: leggere un quarto di frase senza capirne il senso non mi è per nulla utile. Anzi, è solo fastidioso.
  • Se twitto una notizia e dopo 30 secondi la vedo apparire identica sulla mia timeline senza mention, vuol dire che non hai (ancora) capito il vero senso dei social network.
  • Se utilizzi servizi che ti permettono di scrivere status con più di 140 caratteri, non c’è problema: devi solo cambiare social network, Facebook ti attende a braccia aperte.
  • Se usi Facebook solo per per invitarmi a centinaia di eventi a 800 km di distanza dalla mia città, fai una cosa: esci a bere una birra ed a distribuire volantini dei tuoi party sotto casa.

Come dire, ognuno può stabilire le proprie regole, è anche il bello del web 2.0 (però, visto che abitiamo tutti nello stesso condominio, aiutiamoci).

I bloggers? Si dividono in 5 categorie.

ottobre 7, 2010

Ormai è qualche anno che lavoro sotto la lente di Internet: ho letto migliaia di post da centinaia e centinaia di blog. Non vi nascondo che mi son fatto una mia (personalissima) idea sulla blogosfera. Dal mio punto di vista esistono 5 categorie ben definite di bloggers :

1. I professionisti
Partiamo da loro, quelli che scrivono per motivi di business: sì, saranno anche appassionati, però ogni post è lavoro e si vede. Ne leggo molti, sia chiaro; in questo caso (molto spesso) il nome fa la differenza.

2. I professionisti mancati
Loro sì, li riconosci subito: scrivono con una frequenza da maratoneta, cercano di arrivare subito dopo le fonti autorevoli americane, provano a strappare un web-gossip da urlo. Ma sono lì, dietro a rincorrere un pubblico che quasi non esiste.

3. Gli esaltati
Per inquadrarli basta buttare un occhio alla grafica o al dominio: il contenuto non merita alcun commento di sorta.

4. Gli appassionati
La categoria che preferisco: mi piacciono anche se i loro post sono pieni di refusi; mi piacciono perché scrivono con la penna della passione, con la testa di chi prova a raccontare la propria esperienza ed il tempo rubato a mille altre attività quotidiane.

5. Quelli che hanno un sacco di tempo
E poi arrivano loro, quelli che ormai si autodefiniscono bloggers: passano ore ed ore sui social network dicendo a tutti “ehi, io sono un blogger!”. Poi vai a leggere il loro ultimo post e trovi l’implacabile data: “Agosto 2007”.

Non chiedetemi di fare nomi, scrivere url o dare un volto ad ogni categoria. So bene la domanda che avete in mente e vi rispondo subito. Facile, incasellatemi nella categoria 6: “non classificabile”.

L’espressione del talento ai tempi del web 2.0

settembre 25, 2010

Una delle grandissime particolarità del www è senza dubbio la sua capacità innata di scovare talenti.
La caratteristica che accomuna i talentuosi 2.0 è una sola: l’età. Anzi, l’imbarazzante giovane età.
Non voglio parlare di Zuckerberg, no. Nemmeno dei fondatori di Google.

Parliamo del 19enne che crea nella sua stanza “Youtube Instant“, viene notato da qualcuno che il web lo conosce bene e via, verso nuove avventure professionali.
Proseguiamo con un 17enne che, in un insipido martedì pomeriggio di Settembre, mette in ginocchio Twitter. Senza dimenticarsi di un ragazzotto del 1984 che, un giorno, inventa WordPress.

E sapete meglio di me per quanto tempo potremmo andare avanti citando esempi.
Ma voglio parlare di un’altra caratteristica principale che accomuna i giovani talentuosi: nessuno di loro parla italiano.

Continua a leggere

Le giornate si accorciano se ti occupi di Social Media.

settembre 15, 2010

Per fare questo mestiere non bastano 8 ore al giorno. Non ne bastano nemmeno 9 e forse nemmeno 10. Occuparsi dei clienti, gestire la conoscenza all’interno del tuo team di lavoro, analizzare le criticità e risolverle, svolgere tutte le attività come i Gantt impietosamente ti impongono, seguire le discussioni online, dosare in maniera sapiente creatività e precisione. E’ vero, quasi tutte le occupazioni diverse da quelle 2.0 prevedono un alto livello di complessità, non dico il contrario; chi si occupa di social media, oggi, deve però fare i conti anche con una attività fondamentale per rispondere appieno alla professione: aggiornarsi in continuazione.

Dove si trova il tempo anche per tenersi al passo con le centinaia di novità settimanali che i Social Network & il web 2.0 sfornano senza sosta? E soprattutto, quali sono gli strumenti più efficaci? C’è solo una soluzione, a mio modo di vedere: i feed RSS. Mi trovate imperativo? Trovate la mia risposta in controtendenza rispetto agli ultimi accadimenti?

Continua a leggere

L’Italia è lo specchio di Facebook o Twitter?

settembre 8, 2010

Chiaccherando con colleghi, amici, social-addicted e soprattutto osservando le attività degli iscritti agli svariati social network, ho provato ad immaginare come cambierebbe il nostro Bel Paese se gli abitanti reali fossero (esclusivamente) gli avatar dei vari Twitter e Facebook. Uno scenario ironico e poco serio? A voi la parola.

Se l’Italia fosse popolata esclusivamente dagli iscritti a Twitter, sicuramente NON avremmo:

Questo governo al potere, ma nemmeno l’opposizione
– la Tatangelo come giurata di x-factor
gente sobria.

Avremmo invece:

iPad, iPhone e Mac a go-go
– Una media di libri letti altissima
– Pochissime decine di abbonati a Wired

Se l’Italia fosse popolata, invece, dagli iscritti a Facebook, sicuramente NON avremmo:

– qualcuno che ascolti musica non riconducibile a Ligabue o Vasco Rossi
– individui che leggano libri differenti da quelli di Fabio Volo
– gente interessata a sport diversi dal calcio.

Avremmo invece:

– milioni di fans di Maria de Filippi (e dei suoi programmi televisivi)
– una marea di appassionati a quiz, oroscopi e concorsi
– tonnellate di gente alla quale piace gestire idealmente una fattoria, ma nessuno che maneggi un aratro nella realtà.

Ora capite perché in Italia gli iscritti a Facebook sono 18 milioni?

Il gruppo Coin usa Foursquare: finalmente un caso italiano.

agosto 30, 2010

Pausa pranzo in Corso Vercelli a Milano. Raggiungo il mio paninaro preferito, iPhone in mano, mi siedo al tavolo e via con il check-in su Foursquare. Mentre sto per compiere questa geek-operazione ormai quotidiana, mi accorgo di una cosa: c’è qualcuno, in zona, che sfrutta le potenzialità di Foursquare lato “business”. Ma sì, c’è un’offerta per i Mayor e la riconosci dalla dicitura “Special here”.

Foursquare - Coin

Curiosissimo, touch sulla bandierina arancione ed ecco l’offerta speciale: Coin, 50 metri al fianco del mio paninaro preferito, regala la CoinCard Easy a tutti i mayor.

Continua a leggere

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.