Skip to content

La comunicazione digitale ha un’anima. Io no.

febbraio 10, 2010

Una giornata in Piazza Affari, a Milano.
No, non sono un operatore finanziario e non mi occupo di joint venture. Sono uno di quelli che nella comunicazione digitale ci crede: ed allora treno, metro e varco la soglia del Palazzo Mezzanotte.

L’evento milanese della giornata, il Forum della Comunicazione Digitale 2010, appunto.

Mi aspetto una modalità di registrazione al desk in linea con le tematiche del mondo che andremo ad affrontare. Ed invece: mezzora di coda (con le annesse leggi di Murphy, quindi la fila di fianco scorreva più velocemente) ed un sacchettino con le presentazioni degli sponsor: tutto rigorosamente cartaceo.

Sala piena, ritardo giustificato. Pronti via.

Due megaschermi passano i twit sia dei presenti in sala che di quelli che stanno seguendo lo streming dell’evento. Basta inserire l’hashtag #fd10tag.

I nomi dei relatori, importantissimi, li lascio leggere a voi.

Gli argomenti sono interessanti ma troppo teorici. Ed allora si scatena il popolo di Twitter: provocazioni, richieste di approfondimenti, estratti dei concetti più importanti. Gli occhi dei presenti sono più orientati ai twit degli utenti che alle facce dei manager sul palco.

Ma non ve lo racconto io, andate sulla pagina di ricerca che li racchiude. Un film interessante: qualcuno ha parlato di una sala composta da operatori che conoscevano già perfettamente le teorie del web 2.0, dei nuovi modi di comunicare,le potenzialità degli strumenti. I twitteri a gran voce chiedono casi concreti. Qualcuno è stato accontentato, altri no.

Anche io, ovviamente, ho sfruttato le potenzialità di andare in onda davanti a tutti, grazie a Twitter: utilizzando solamente un po’ di ironia. Siete curiosi, vero? Vi accontento, in ordine cronologico.

  • Sala pienissima, desk registrazioni intasato, ritardo cronico. Però forse si inizia.
  • Passa il video di presentazione del forum della comunicazione digitale. Ora voglio vedere il mio twit sullo schermo. Subito.
  • @Contz non c’è wifi al #fd10tag? mi son portato un access point da casa.
  • sono le 11 ed ho già l’iPhone scarico. Rischio di non riuscire a comunicare in modo digitale.
  • L’anno prossimo sarò qui con il mio *iPad* e racconto il tutto su *Google buzz*.
  • ecco, io ho 30 anni e mi sento vecchio.
  • l’anno prossimo propongo una location più 2.0. (Non so, tipo il Toqueville).
  • Noci al ministero dell’innovazione? Perché no.
  • SchiacciaNoci contro tutti. Applausi.
  • uso privatistico del mezzo pubblico: ho intravisto @laPaolina che non mi riconosce.
  • @micheleficara twitta dal palco, cita friendfeed e porta l’esempio google buzz. Un palco più digitale.
  • si parla della case history social media *Bonduelle* e mi vien fame.
  • sento dal palco:”internet è più importante dell’aria che respiriamo”. Ecco perchè ho gli svarioni.
  • Si parla di digital influence. Grazie al cielo ho l’aspirina in tasca.
  • Io stasera scrivo un post sulla giornata. Ho già in mente il titolo “La comunicazione digitale ha un’anima. Io no”.
  • Iabichino, è 3 settimane che cerco il tuo libro nei negozi offline, ma nulla. Ne hai mica una copia che ti avanza? 🙂
  • Si parla di motori semantici. Alle 18. Vedo facce sconvolte

Questo per testimoniare come stanno cambiando anche le modalità di partecipazione agli eventi. Una volta c’era il gelato che girava tra le persone; una volta i timidi non riuscivano a fare le domande ai relatori; una volta faticavi ad ironizzare o a dichiarare la tua opinione contraria. Ora no. Ed allora, al di là degli argomenti del Forum, voto 9 a questa modalità di approccio; voto 5 ai relatori; voto 7 ai twitteri in sala. Se la matematica non è un’opinione, c’è la sufficienza. E non ho nemmeno mangiato una tartina, altrimenti il voto si sarebbe potuto alzare.

Annunci
8 commenti leave one →
  1. Luca Bruschi permalink
    febbraio 10, 2010 8:52 pm

    diciamo che mi può bastare come report della giornata 😉 a domani socio

    • Max Trisolino permalink*
      febbraio 10, 2010 10:01 pm

      Sono preparatissimo, chiedimi quello che vuoi!

  2. febbraio 10, 2010 9:56 pm

    Bel post, evento deludente. Parecchio deludente. Fra le cose belle, la chiacchierata con te. A presto.

    • Max Trisolino permalink*
      febbraio 10, 2010 9:59 pm

      Concordo, la nostra chiaccherata è stato il vero plus 😉 a presto, Alessandro!

  3. febbraio 10, 2010 9:57 pm

    Grandissimo, quindi un bel 7 ce lo siamo siamo proprio meritato!!! 😛

    • Max Trisolino permalink*
      febbraio 10, 2010 10:00 pm

      Si si, e son stato bassino 😉 sopratutto i tuoi twit che hanno raccontato live i punti salienti 😉

  4. febbraio 12, 2010 4:02 pm

    Ehehehe, e la batteria del Mac mi ha abandonato quasi subito…cavolo!!! O_O

  5. febbraio 13, 2010 12:21 pm

    Max questo post mi ha fatto troppo ridere. Ho seguito l’evento da Twitter e l’idea che mi ero fatto da altri tweet (non solo tuoi) era di un evento un pò più organizzato e “corposo” di contenuti. Sei un grande 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: