Skip to content

Agenda cartacea vs Google Calendar.

marzo 15, 2010

Siamo nel duemiladieci, gli appuntamenti non si segnano più sull’agendona cartacea che ti regala la tua banca a dicembre. Oggi hai diversi strumenti per sentirti davvero paperless, anche e soprattutto sotto questo punto di vista.
Ti basta uno smartphone, un account su Google Calendar, una sicronizzazione mobile ed il gioco è fatto.

Sì, anche io ed il mio iPhone la pensiamo così. Però mi rendo conto che, per me, si è trattato del passaggio carta-digitale più difficile. C’è ancora la tentazione di scrivere su quella moleskine con le pagine bianche e quel numerone in alto a destra. Perchè ci scrivi gli appunti, sottolinei, evidenzi le cose importanti.

Tutte cose che puoi fare anche sul tuo smartphone. Ma improvvisamente non è la stessa cosa. Un po’ come le correnti pro-Kindle e quelle pro-libreria-sotto-casa.

Ed allora provi l’applicazione che più assomigli alla tua vecchia agenda, ti convinci della comodità di avere tutto in quell’unico dispositivo che tieni in tasca. Appoggi quel pesante libricino con le date in fondo alla scrivania. Perchè con la coda dell’occhio puoi vederla, la tua agenda.

La nostalgia a volte ha bisogno di esser vissuta.

Annunci
3 commenti leave one →
  1. marzo 15, 2010 11:31 am

    Non potevo esimermi dal mio commento old style.
    L’agenda-taccuino-notes di carta non solo ti permette di scrivere, sottolineare ed evidenziare come dici tu, cosa che immagino ogni app riesca parimenti a fare; quello che la carta di permette e l’app no e la gestione dello spazio secondo la tua insana spaziazione. Posso scrivere l’appuntamento delle 15.00 nella riga a fianco a 15.00 ma “comprare latte e biscotti” in verticale sulla destra.
    Do fiducia alle app immaginando che ci siano anche tanti colori con cui scrivere, immancabili compagni di viaggio 🙂

  2. marzo 15, 2010 2:27 pm

    Beh…. ti capisco.
    Io sono palmarofilo da prima che tu iniziassi ad usare il web (prendendo il titolo di un tuo articolo precente)…. ma avere penna (mini) e taccuino (per questo giro si tratta di un bellissimo Letts od London formato A6 in pelle stroppicciata rossa, con fogli a righe) nella mia borsa per poter segnare appunti, appuntamenti, link, disegni, schizzi, frasi, testi, todo, memo etc lo considero una cosa fondamentale… e poi rimane comunque una goduria il contatto con la carta e la sensazione della penna/matita che scrive…. anche se il mio prossimo cadeau sarà una tavoletta grafica della Wacom :-)))))

  3. Max Trisolino permalink*
    marzo 17, 2010 8:25 am

    L’agenda ha sempre il suo fascino, è inutile. E voi siete la dimostrazione 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: