Skip to content

I bloggers? Si dividono in 5 categorie.

ottobre 7, 2010

Ormai è qualche anno che lavoro sotto la lente di Internet: ho letto migliaia di post da centinaia e centinaia di blog. Non vi nascondo che mi son fatto una mia (personalissima) idea sulla blogosfera. Dal mio punto di vista esistono 5 categorie ben definite di bloggers :

1. I professionisti
Partiamo da loro, quelli che scrivono per motivi di business: sì, saranno anche appassionati, però ogni post è lavoro e si vede. Ne leggo molti, sia chiaro; in questo caso (molto spesso) il nome fa la differenza.

2. I professionisti mancati
Loro sì, li riconosci subito: scrivono con una frequenza da maratoneta, cercano di arrivare subito dopo le fonti autorevoli americane, provano a strappare un web-gossip da urlo. Ma sono lì, dietro a rincorrere un pubblico che quasi non esiste.

3. Gli esaltati
Per inquadrarli basta buttare un occhio alla grafica o al dominio: il contenuto non merita alcun commento di sorta.

4. Gli appassionati
La categoria che preferisco: mi piacciono anche se i loro post sono pieni di refusi; mi piacciono perché scrivono con la penna della passione, con la testa di chi prova a raccontare la propria esperienza ed il tempo rubato a mille altre attività quotidiane.

5. Quelli che hanno un sacco di tempo
E poi arrivano loro, quelli che ormai si autodefiniscono bloggers: passano ore ed ore sui social network dicendo a tutti “ehi, io sono un blogger!”. Poi vai a leggere il loro ultimo post e trovi l’implacabile data: “Agosto 2007”.

Non chiedetemi di fare nomi, scrivere url o dare un volto ad ogni categoria. So bene la domanda che avete in mente e vi rispondo subito. Facile, incasellatemi nella categoria 6: “non classificabile”.

Annunci
8 commenti leave one →
  1. ottobre 7, 2010 10:55 am

    In bilico tra il punto 3 e il punto 4…

  2. ottobre 7, 2010 11:01 am

    È importante far notare che prima o poi è possibile fare un salto di categoria (e che non sempre tale salto è verso l’alto…), inoltre nella vita capita anche di andare e venire tra le varie categorie a seconda dei “periodi storici”: personalmente oggi spero di essere un appassionato, mentre so di certo di essere stato in passato un #5 😉

  3. ottobre 7, 2010 1:46 pm

    Si, molto daccordo. Forse manca il blogger della testata giornalistica, che non mi sembra sia il caso di farlo entrare nella categoria 1.

  4. ottobre 7, 2010 1:48 pm

    Non mi piace auto definirmi, credo, comunque, di essere tra il #6 e il #7, tra i “non classificabili” e i “perditempo”.
    Anch’io preferisco “gli appassionati” e non mi piacciono molto i primi.

  5. ottobre 7, 2010 1:53 pm

    Io sono un’appassionata e… spero che questo non faccia di me anche un’esaltata! Ehehehehe 😉

  6. ottobre 7, 2010 3:12 pm

    Professionisti non ne ho mai visti!
    Al più furbi di 3 cotte che parlano di cose che non conoscono a fondo, sopratutto quelle tecniche, che sia tecnologia o economia.
    Lo scopo?
    Accreditarsi come “blogger” e vivere di mancette.
    Insomma, accattonaggio digitale, lavavetri alla tastiera.

  7. ottobre 7, 2010 6:24 pm

    Ossignùr. Ho l’ansia da prestazione e in tanti anni non ho ancora capito se sono una blogger o no…

Trackbacks

  1. Social Sharing – October 7th : Catepol 3.0

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: